Hai bisogno di prenotare un appuntamento? Tel 081 578 50 37

Ottobre è il mese della prevenzione

Da molti anni, ormai, ottobre indossa i colori del benessere e della prevenzione, anche in merito all’igiene orale. Torna la 37esima edizione del Mese della Prevenzione Dentale. Questo appuntamento fisso delle famiglie italiane con il dentista è promosso da ANDI – Associazione Nazionale Dentisti Italiani – e Mentadent, marca che sponsorizza da sempre la prevenzione orale …

Leggi tuttoOttobre è il mese della prevenzione

La prima tappa evolutiva ortodontica: da 0 a 3 anni

Alcune terapie hanno successo solamente quando il bambino è ancora in crescita, ecco perché è importante conoscere il funzionamento delle varie tappe evolutive dal punto di vista ortodontico e ricordare che una visita ortodontica è raccomandabile anche con i denti da latte. Quando si diventa veri e propri pazienti dal punto di vista ortodontico? Finchè il …

Leggi tuttoLa prima tappa evolutiva ortodontica: da 0 a 3 anni

Meglio un impianto o un ponte fisso?

Le protesi sostituiscono i denti naturali con elementi dentari artificiali. Gli interventi protesici possono essere utilizzati anche per correggere anomalie funzionali, oltre che estetiche, riguardanti forma, colore o posizione dei denti naturali. Per decidere cosa è meglio fra un ponte e un impianto dentale bisogna analizzare le condizioni generali del paziente e il risultato atteso dalla terapia. Esistono tre ipotesi che possono aiutare a rispondere alla domanda su quale sia il trattamento migliore.

La prima ipotesi

I due denti vicini a quello da cambiare non hanno problemi. In questo caso l’implantologia è l’ideale, perchè permette di rimettere un solo dente, quello mancante, senza dover toccare quelli vicini. La tecnica prevede infatti l’inserimento chirurgico di una vite in titanio all’interno dell’osso della bocca, sulla quale si attacca poi il nuovo dente, che può essere costruito in metallo rivestito da ceramica o tutto in ceramica.

La seconda ipotesi

I denti vicini a quello da cambiare non sono in buone condizioni e devono comunque essere rivestiti, o magari sono già devitalizzati perchè erano stati aggrediti da una carie profonda. In questo caso il ponte è la soluzione giusta, perchè il nuovo elemento si poggerà sui due denti vicini, che verranno a loro volta ricoperti da capsule (quindi non c’è bisogno di chirurgia).

La terza ipotesi

L’osso e i tessuti gengivali non sono sufficienti per inserire la vite di un impianto. In caso di insufficienza di questi “sostegni”, è allora necessario ricorrere a ulteriori interventi per ricostruire questi tessuti, che possono essere anche piuttosto invasivi (come l’impianto di un osso). In questo caso il ponte diventa, di nuovo, un’ottima soluzione.

Prima di decidere fra impianto e ponte

Quando si ricorre agli impianti, è importante che il dentista deve valuti bene anche lo stile di vita del paziente. Se è un accanito fumatore, per esempio, è bene che smetta. L’igiene dentale non è perfetta? Lo deve diventare.

Fonte: aiop.com

Un apparecchio invisibile contro la parodontite

Gli apparecchi ortodontici fissi hanno indicazioni d’impiego molto ampie con risultati ben documentati. Altrettanto evidenti sono le conseguenze che questo tipo di apparecchio può avere sulla salute parodontale perché, durante l’applicazione, può rendere più difficile l’igiene orale. Pazienti poco collaboranti, con scarsa manualità, adolescenti, o semplicemente pigri, possono andare incontro a un peggioramento della salute parodontale per la …

Leggi tuttoUn apparecchio invisibile contro la parodontite

Cosa succede dopo un’ estrazione?

Quando si estrae un dente, nell’osso mascellare rimane uno spazio vuoto, chiamato alveolo. Dopo l’ estrazione del dente, l’alveolo si riempie di sangue. Il coagulo di sangue si trasforma lentamente in osso, ma il contorno osseo originale non si conserva.

La riformazione dell’osso

Dato che il dente non è più presente, l’osso si riassorbe gradualmente. Ciò può causare problemi: nel restauro con ponte, per esempio, le gengive seguono il riassorbimento dell’osso mascellare. Ne consegue una lacuna antiestetica tra il ponte e la gengiva sottostante. L’igiene orale risulta difficile e particelle di cibo possono accumularsi, causando infiammazioni delle gengive.

In caso di impianto

Anche l’inserimento di un impianto diventa una procedura delicata in caso di riassorbimento osseo. Per assicurarne la stabilità meccanica e funzionale, un impianto deve essere completamente circondato da osso. Perciò è necessaria una procedura di incremento osseo. La mancata rigenerazione dell’osso può portare a un impianto esposto con risultati estetici scadenti.

Procedura post – estrazione

Perciò, quando si estrae un dente, si deve intervenire per mantenere il contorno dell’osso mascellare. Un contorno stabile si può ottenere riempiendo l’alveolo con un sostituto osseo clinicamente e scientificamente dimostrato, che costituisca una solida impalcatura per la formazione di nuovo osso da parte dell’organismo. Dopo 4-6 mesi questo materiale si integra con il nuovo osso e poi viene incluso nel naturale processo di rimodellamento del tessuto. Il contorno naturale dell’osso mascellare risulta conservato e pertanto le gengive non vanno incontro a recessione.

Una soluzione estetica per tutti

A seconda del tipo di difetto, può essere necessario usare una membrana protettiva per favorire la guarigione della ferita e proteggere il sostituto osseo. In caso di restauro con ponte, le misure preventive possono evitare la formazione di una lacuna antiestetica. Se si inseriscono degli impianti, le misure preventive garantiscono un restauro in cui l’impianto rimane circondato da osso e gengiva. I trattamenti di conservazione ossea semplificano le successive fasi di trattamento e migliorano la bellezza del vostro sorriso.

10 regole per la salute dei denti dei bambini

Un’alimentazione sana, contenente un bilanciato contenuto di zuccheri, insieme a una corretta igiene orale rappresentano i due interruttori della salute orale nel bambino – ma anche nell’adulto. L’obiettivo è ridurre il rischio di carie, una delle problematiche dei denti più diffuse nei bambini. Un consumo eccessivo di dolciumi, caramelle e bibite zuccherate, soprattutto al di …

Leggi tutto10 regole per la salute dei denti dei bambini

Il nostro nuovo sito è online!

È con grande piacere che vi presentiamo il nuovo sito web. Per il nostro Studio è fondamentale essere presente online con contenuti chiari e esaustivi sulle nostre procedure, offrendo ai pazienti la possibilità di richiedere informazioni su soluzioni specifiche e personalizzate. Per questo abbiamo deciso di puntare su una navigazione semplice e intuitiva, oltre che esteticamente accattivante. …

Leggi tuttoIl nostro nuovo sito è online!

Il collutorio, un’arma contro le gengive infiammate

L’abitudine a una corretta igiene orale è un gesto quotidiano fondamentale affinché denti e gengive siano sempre curati e in perfetta salute. L’utilizzo costante di spazzolino, filo interdentale e collutorio preserva il cavo orale dall’insorgenza di problematiche spesso correlate a una igiene orale trascurata e sommaria e alla conseguente proliferazione batterica. Una buona igiene orale …

Leggi tuttoIl collutorio, un’arma contro le gengive infiammate

Bambini, denti dritti e prevenzione con Froggy

La necessità di correggere i denti storti nasce in genere dal fatto che, durante la crescita dei bambini, il palato si è sviluppato soprattutto verso l’alto. Di conseguenza, la bocca è troppo stretta per ospitare tutti i denti». Ma effettuare questo tipo di correzione talvolta può essere una soluzione economicamente non alla portata di tutti». Lo sottolinea …

Leggi tuttoBambini, denti dritti e prevenzione con Froggy