Sanguinamento gengivale: cause e rimedi

A volte può capitare di notare una fastidiosa perdita di sangue quando ci si lava i denti o di trovare il cuscino macchiato al risveglio: il sanguinamento gengivale è un disturbo che può comparire in alcuni periodi, ma perché succede?

Come mai le gengive sanguinano?

Il sanguinamento gengivale dipende da molteplici cause, nella maggior parte dei casi riconducibili ad una scarsa igiene orale.

Vediamo quali sono i motivi più frequenti:

  • presenza di placca dentaria, tartaro e proliferazione batterica;
  • gengivite (infiammazione della gengiva);
  • paradontite (infiammazione dei tessuti che sostengono denti e gengive);
  • utilizzo di farmaci anti-coagulanti;
  • fumo;
  • dieta non equilibrata.

Il sanguinamento delle gengive potrebbe essere collegato anche ad alcune malattie più rare legate ai disturbi della coagulazione, come:

  • leucemia;
  • diabete;
  • porpora trombocitopenica idiopatica-PTI.

Infine, anche una carenza di vitamine e minerali, nello specifico di vitamina K o di vitamina C (come nei soggetti che soffrono di scorbuto) può influire sulla comparsa di questo fastidioso disturbo.

Sanguinamento gengivale: prevenzione e cura

Molto spesso, l’irritazione delle gengive si manifesta insieme ad altre problematiche, come una spiccata sensibilità al caldo/freddo, gonfiore, rossore e dolore. Questi sintomi, se trascurati, possono portare ad una paradontite o a gravi infezioni.

Per questo motivo è necessario rivolgersi al dentista per valutare lo stato di salute delle gengive e ricevere un consulto sui prodotti più adatti da utilizzare (come dentifricio e collutorio), solitamente a base di clorexidina.

Nel frattempo è possibile alleviare i sintomi con una corretta igiene orale, che rappresenta anche la principale forma di prevenzione del sanguinamento gengivale.

In che modo?

  • utilizzando uno spazzolino a setole morbide almeno due volte al giorno;
  • eseguendo un corretto spazzolamento, con movimenti delicati;
  • rimuovendo eventuali residui di cibo col filo interdentale;
  • terminando l’igiene orale con un dentifricio e un collutorio specifici.

È possibile alleviare il gonfiore e l’indolenzimento alle gengive anche adottando metodi naturali: si consigliano impacchi a base di ingredienti lenitivi e antinfiammatori come la malva e la camomilla o risciacqui calmanti con acqua e sale (o bicarbonato di sodio).

Infine, è molto importante adottare uno stile di vita sano, evitando il fumo e favorendo una dieta povera di zuccheri e ricca di vitamine e minerali.

Avviso agli utenti
Le informazioni fornite in questa pagina sono di natura generica e pubblicate a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il parere dell’odontoiatra.

Lascia un commento