Estrazione dentale e trattamenti personalizzati

Dopo un intervento di estrazione dentale, nell’osso mascellare rimane uno spazio vuoto, chiamato alveolo. Dopo l’estrazione del dente, l’alveolo si riempie di sangue. Il coagulo di sangue si trasforma lentamente in osso, ma il contorno osseo originale non si conserva.

La riformazione dell’osso

Dato che il dente non è più presente, l’osso si riassorbe gradualmente. Ciò può causare alcune difficoltà: nel restauro con ponte, per esempio, le gengive seguono il riassorbimento dell’osso mascellare. Ne può conseguire una lacuna antiestetica tra il ponte e la gengiva sottostante. L’igiene orale risulta difficile e alcune particelle di cibo possono accumularsi, causando infiammazioni delle gengive.

In caso di impianto

Anche l’inserimento di un impianto diventa una procedura delicata in caso di riassorbimento osseo. Per assicurarne la stabilità meccanica e funzionale, un impianto deve essere completamente circondato da osso. Perciò è necessaria una procedura di incremento osseo. La mancata rigenerazione dell’osso può portare a un impianto esposto con risultati estetici scadenti.

Procedura post – estrazione dentale

Per questi motivi, quando si estrae un dente, si deve intervenire per mantenere il contorno dell’osso mascellare. Un contorno stabile si può ottenere riempiendo l’alveolo con un sostituto osseo clinicamente e scientificamente dimostrato, che costituisca una solida impalcatura per la formazione di nuovo osso da parte dell’organismo. Dopo 4-6 mesi questo materiale si integra con il nuovo osso e poi viene incluso nel naturale processo di rimodellamento del tessuto. Il contorno naturale dell’osso mascellare risulta conservato e pertanto le gengive non vanno incontro a recessione.

Una soluzione estetica per tutti

A seconda del tipo di difetto che ha reso necessaria l’estrazione dentale, può essere necessario usare una membrana protettiva per favorire la guarigione della ferita e proteggere il sostituto osseo. In caso di restauro con ponte, le misure preventive possono evitare la formazione di una lacuna antiestetica. Se si inseriscono degli impianti, le misure preventive garantiscono un restauro in cui l’impianto rimane circondato da osso e gengiva.

I trattamenti dopo un’estrazione dentale

I trattamenti di conservazione ossea semplificano le successive fasi di trattamento e migliorano la bellezza del sorriso. Per ricevere maggiori informazioni su un piano di trattamento inviduale, contattaci per una visita conoscitiva.

Lascia un commento