Come si ripara un dente rotto o scheggiato

Trattamento dei denti rotti o scheggiati a Napoli

Un dente rotto o scheggiato è generalmente la conseguenza di un trauma dentale. I nostri denti sono ricoperti dallo smalto, il tessuto più mineralizzato e duro del corpo, ma anche la sua forza ha dei limiti è può essere danneggiato da cadute, traumi al viso o cibi eccessivamente duri. Incidenti di questo tipo sono molto comuni e possono capitare ad adulti e bambini. Se capita di aver rotto o scheggiato un dente, non ci si deve far prendere dal panico. Vediamo cosa può fare il dentista per risolvere i problemi legati a un trauma dentale.

Come prendersi cura di un dente rotto o scheggiato

Se un dente è rotto, scheggiato o fratturato, ovviamente si deve andare dal dentista. In caso contrario, il dente potrebbe infettarsi e, nel peggiore dei casi, cadere. In attesa di raggiungere il nostro studio dentistico a Napoli, si possono provare le seguenti misure cautelative:

  • Se il dente provoca dolore, prendere del paracetamolo o un altro antidolorifico.
  • Sciacquare la bocca con acqua salata.
  • Se la rottura ha causato un bordo tagliente o frastagliato, coprirlo con un pezzo di gomma da masticare senza zucchero, per evitare che questa parte tagli la lingua o altre strutture all’interno della bocca.
  • Mangiare cibi morbidi ed evitare di mordere sul dente rotto.

Come riparare dal dentista i denti rotti o scheggiati 

Il trattamento per un dente rotto o scheggiato dipende dalla gravità del danno che ha subito. Se si rompe solo un piccolo pezzo di smalto, la riparazione di solito può essere fatta semplicemente in una seduta dal dentista. Un dente gravemente danneggiato o rotto, invece, può richiedere una procedura più lunga. Ecco alcuni metodi con cui il dentista può riparare un dente rotto o scheggiato.

Riempimento dentale

Se la rottura è molto piccola, poco più di una scheggiatura, il dentista può riparare il danno riempiendo il foro. Se la riparazione riguarda un dente anteriore o un dente visibile quando si sorride, l’odontoiatra probabilmente utilizzerà il bonding, una procedura semplice che in genere non richiede anestesia. Questa tecnica consiste nell’applicazione di un materiale adesivo al dente, seguito dal materiale legante. Dopo aver verificato che il risultato estetico risulti naturale, si utilizza una luce ultravioletta per indurire il materiale.

Corona dentale

corona-dentale

Se si rompe un grosso pezzo di dente o la rottura è stata causata da una carie estesa, il dentista può limare parte del dente rimanente e coprire il tutto con una corona, fatta per proteggere il dente e migliorare il suo aspetto. Nel nostro Studio Dentistico utilizziamo il sistema Cerec CAD/CAM, che permette di avere la corona pronta in una sola seduta, evitando di applicare una corona provvisoria e riducendo quindi i tempi di attesa e i disagi per i pazienti.

 

Devitalizzazione

Se il dente fa male, cambia colore o è sensibile al calore, la polpa è probabilmente danneggiata a causa di una frattura dentale più grande. In questo caso, il trattamento più idoneo è la devitalizzazione o terapia canalare, che consiste nella rimozione della polpa, la pulizia del canale radicolare e la successiva sigillatura. In molti casi, il dente deve essere coperto con una corona per proteggerlo. La devitalizzazione è una terapia indolore.

Riparare un dente rotto o scheggiato con le faccette dentali

faccette-dentali

Se il dente rotto o scheggiato si trova nella parte anteriore dell’arcata dentale, delle faccette dentali possono rimettere tutto perfettamente a posto. Le faccette dentali, che prendono anche il nome di faccette estetiche o veneers, sono dei sottili strati di ceramica (o porcellana) che vengono applicati sopra i denti, coprendo eventuali difetti presenti sulla loro superficie. Le faccette possono nascondere un trauma dentale, una forma o una dimensione imperfetta, ma anche macchie di colore o addirittura mimetizzare una posizione leggermente squilibrata.

Non tutte le faccette dentali sono uguali, ma ne esistono diverse tipologie che variano in base al materiale, che ovviamente hanno durata e costo differenti. Le più diffuse e performanti sono quelle in ceramica e porcellana, grazie all’estrema resistenza e tenuta dei materiali. Questa soluzione viene largamente utilizzate da attori, sportivi e altre personalità dello spettacolo per ottenere un sorriso perfetto senza ricorrere ad una vera e propria operazione.

Come si applicano le faccette dentali o veneers

Le faccette dentali si possono applicare senza anestesia, senza alcun dolore per il paziente e senza rovinare lo smalto dei denti, a patto ovviamente che vengano seguite tutte le norme in materia di sicurezza e igiene dentale. Per preparare il dente, l’odontoiatra rimuove circa 0,3 – 1,2 millimetri di smalto dalla superficie. Poi prende un’impronta del dente che servirà a preparare la faccetta. A questo punto, un cemento speciale viene applicato sul dente per posizionare la faccetta dentale e una luce ultravioletta attiva le sostanze chimiche nel cemento per farlo indurire rapidamente.

Tutti i vantaggi dell’utilizzo delle faccette dentali

veneers-caso-clinico

Con le faccette dentali o veneers è possibile risistemare il sorriso velocemente e senza controindicazioni, con un risultato immediato e duraturo. La resa estetica di questo trattamento è notevole, anche se il filo conduttore rimane sempre e comunque la salute del dente. In alcuni casi, infatti, le faccette aiutano non solo a nascondere i difetti di un dente rotto o scheggiato, ma anche a risolvere problemi di masticazione e consunzione dello smalto causati da malocclusione dentale, da abitudini sbagliate, dal bruxismo o dalla parodontite, e a correggere lievi diastemi (spazi tra i denti). Oltre agli immediati benefici estetici sulla dentatura, le faccette dentali assicurano un complessivo miglioramento nell’aspetto del viso, grazie ad un sorriso più armonico, e quindi potenzialmente anche un miglioramento nell’autostima del paziente.

Come mantenere le faccette dentali in buono stato

Dopo l’applicazione delle faccette dentali, è sufficiente seguire alcune semplici norme per mantenerle sempre in ottime condizioni. Di base, sono gli stessi suggerimenti che il dentista dà per preservare la salute dei denti:

  • evitare il fumo, che potrebbe macchiare la ceramica, così come l’assunzione massiccia di bevande come tè, caffè o vino;
  • lavare i denti spesso, almeno tre volte al giorno, per difendere denti e gengive dalla placca, aiutandosi con uno scovolino o un filo interdentale;
  • evitare di mangiare cibi troppo duri che potrebbero scheggiare le faccette, ma anche di mangiarsi le unghie o rosicchiare i tappi delle penne;
  • ricordarsi di eseguire periodicamente una pulizia dei denti, che continuano ad avere bisogno di cure specifiche.

 

Potrebbe interessarti anche:
Applicazione di faccette dentali a Napoli
Faccette dentali: tutto quello che devi sapere

Lascia un commento