Antibiotici e trattamenti odontoiatrici

Antibioticoresistenza: emergenza per la salute

L’antibioticoresistenza è diventata un’emergenza di sanità pubblica. Per questo motivo, l’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’Unione Europea hanno indicato una serie di provvedimenti specifici, volti a contenere il diffondersi della resistenza attraverso un uso prudente degli agenti antibiotici nell’uomo. Negli ultimi 20 anni le prescrizioni mediche sono calate e anche nel nostro Studio dentistico a Napoli ci impegnamo a diminuire l’uso sconsiderato di questi farmaci, sopratutto perché l’insieme dei batteri presenti nella bocca, tecnicamente chiamato microbiota orale, sembra essere un’importante riserva di resistenze antibiotiche.

A cosa servono gli antibiotici

Gli antibiotici sono medicinali utilizzati per curare o prevenire le infezioni causate da batteri. Sono in grado di eliminare i batteri stessi, di prevenire la loro moltiplicazione e diffusione all’interno dell’organismo e di evitare la trasmissione ad altre persone. Gli antibiotici non sono efficaci contro le infezioni virali, come il raffreddore, l’influenza e alcuni tipi di tosse e mal di gola. In caso di infezioni non gravi causate da batteri, non è necessario ricorrere subito a una terapia antibiotica. Il nostro sistema immunitario, infatti, nella maggior parte dei casi è in grado di risolverle autonomamente. È fondamentale che gli antibiotici siano prescritti dal medico e che siano rispettate le dosi, le modalità e la durata della terapia indicate al fine di ottenere i massimi benefici dalla terapia e prevenire lo sviluppo dell’antibioticoresistenza.

Resistenza agli antibiotici: cosa significa

La resistenza agli antibiotici, o antibioticoresistenza, consiste nella capacità di alcuni batteri di sopravvivere, moltiplicarsi e, quindi, di continuare a causare un’infezione anche in presenza di farmaci. Lo sviluppo della resistenza è un fenomeno che avviene comunemente in natura. L’uso frequente e immotivato di antibiotici, però, lo ha reso particolarmente preoccupante a causa della velocità a cui si sta diffondendo. Senza terapie antibiotiche in grado di agire in maniera efficace, molte delle più comuni infezioni, come la polmonite, potrebbero tornare a rappresentare un importante rischio per la salute.

I rischi dell’antibioticoresistenza in odontoiatria

L’antibioticoresistenza può rappresentare un serio pericolo per la salute in generale e anche nelle cure dentistiche. Al livello individuale, è possibile diventare resistente agli antibiotici anche per altre infezioni non relative al cavo orale. A livello sociale, le resistenze possono essere ‘trasmesse’ da un batterio all’altro, influenzando la risposta di un’intera popolazione a una determinata molecola antibiotica

Antibiotici, solo quando è necessario

antibiotici dal dentistaGli antibiotici possono essere prescritti dall’odontoiatra a scopo sia profilattico che terapeutico. Come profilassi, questi farmaci sono prescritti in relazione a interventi di chirurgia orale, che possano causare infiltrazioni di batteri nel sangue. Come terapia, gli antibiotici posso essere utili anche per superare la fase acuta di un’infezione prima di effettuare il trattamento odontoiatrico vero e proprio. Bisogna però ricordare che la terapia antibiotica è un’aggiunta, non un’alternativa, all’intervento odontoiatrico. Inoltre, gli antibiotici non servono a lenire nè a far scomparire qualsiasi tipo di dolore o infiammazione.

Nella pianificazione di tutti i trattamenti, prescriviamo gli antibiotici in modo ragionato e solo quando necessario. Allo Studio Delfino Anzisi, valutiamo la presenza di eventuali allergie ai farmaci, informiamo i pazienti sulla corretta assunzione dell’antibiotico e, soprattutto, diamo indicazioni precise sulla durata del trattamento e l’intervallo tra le dosi. Raccomandiamo ai nostri pazienti di evitare sempre il fai-da-te, come spesso accade quando si ha dolore a un dente. Assumendo terapie antibiotiche senza controllo medico e a dosaggi non appropriati ci si espone a seri problemi per la propria salute.

Potrebbe interessarti anche:
Antibioticoresistenza e salute delle gengive