Igiene orale, attenzione ai falsi miti

Igiene-orale-attenzione-ai-falsi-miti
27 Mar 2019

Igiene orale, attenzione ai falsi miti

Lavarsi i denti subito dopo aver mangiato, sciacquarsi la bocca con l’acqua per liberarsi dal dentifricio e bere succhi di frutta pensando che siano meno dannosi delle bibite gassate sono comportamenti diffusi, ma sbagliati. Andi (Associazione nazionale dentisti italiani) ed Enpam (Ente nazionale di previdenza e assistenza dei medici e degli odontoiatri) contribuiscono a sfatare questi e altri falsi miti sull’igiene orale e offrire ai cittadini indicazioni corrette.

La Fdi-World Dental Federation ha provato a scoprire cosa sa la popolazione della salute orale e quali regole di comportamento adotta. L’obiettivo è sfatare le false credenze più diffuse sull’igiene orale. Insieme ai rappresentanti di Fondazione Andi e Fondazione Enpam, hanno partecipato anche rappresentanti del Cenacolo odontostomatologico italiano (Coi-Aiog), della Società italiana di patologia e medicina orale (Sipmo), della Commissione Albo odontoiatri (Cao).

Gi errori nell’igiene orale

Per oltre la metà degli Italiani, lavarsi i denti appena finito di mangiare è una buona pratica. Al contrario, gli esperti raccomandano di aspettare almeno 30 minuti dopo ogni pasto prima di prendere in mano lo spazzolino. Anche sciacquare abbondantemente la bocca con l’acqua per togliere il residuo di dentifricio è un comportamento scorretto. L’indicazione, infatti, è di limitarsi a sputare il dentifricio in eccesso, perché in questo modo la massima esposizione al fluoro è assicurata. Infine, diversamente da come molti pensano, i succhi di frutta non sono meno dannosi delle bibite gassate, ma entrambi hanno un livello di zuccheri elevato e possono essere causa di carie.

Alcol, fumo e zuccheri

Solo una parte dei pazienti riconosce che per preservare la salute orale è importante bere alcol in maniera moderata. La maggioranza, invece, sa di dover evitare il fumo se non vuole avere problemi di salute orale. Inoltre, è ampiamente riconosciuto che un consumo eccessivo di zuccheri è dannoso per la salute.

Allarme prevenzione

Anche se molti sanno che è una buona abitudine fare una visita odontoiatrica una volta l’anno, ma solo la metà dei pazienti prenota effettivamente un controllo periodico in assenza di condizioni particolari. Risulta evidente che ci si debba sottoporre a visita del dentista dopo aver evidenziato segnali di cattiva salute orale. Tuttavia, non sono molti coloro che, dopo averlo fatto, seguono le indicazioni dell’odontoiatra.

Sorridere in salute

Una buona salute orale è molto più di un bel sorriso. Una scarsa salute orale, infatti, è stata associata a una serie di patologie tra cui il diabete, le malattie cardiovascolari, il cancro al pancreas, la polmonite, l’Alzheimer. Comprendere sin dall’infanzia quali sono le buone abitudini da seguire aiuta a conservare una salute orale ottimale. Così ci si garantisce una vita libera dal dolore e dal disagio emotivo spesso causato da problemi della bocca.

Fonte: AdnKronos Salute

About Author