Caso clinico: recessione gengivale

Si parla di recessione gengivale quando lo spostamento del margine gengivale verso la radice lascia scoperta la corona del dente con un’evidente compromissione estetica. Infatti il dente sembra più scoperto e molto più lungo degli altri. In genere, la parte esposta del dente diventa ipersensibile al caldo e al freddo, e può facilmente infiammarsi.

Perché si interviene chirurgicamente

La recessione gengivale dev’essere corretta non solo per recuperare l’estetica del sorriso, ma soprattutto per evitare le inevitabili conseguenze che, negli stadi avanzati, possono essere spostamento e perdita dei denti.
L’intervento di chirurgia gengivale ha lo scopo di fornire una nuova copertura alla radice dentale assicurando la protezione ai denti sensibili.

In cosa consiste l’intervento

Questo intervento consiste generalmente nel riposizionamento del tessuto al di sopra della recessione (riposizionamento coronale) ricreando una zona di gengiva aderente intorno alla recessione e di parte della mucosa sottostante. È una vera e propria procedura medica, eseguita nel nostro Studio Dentistico di Napoli da professionisti abilitati e qualificati, come il dentista o l’igienista dentale, per garantire il risultato estetico e funzionale desiderato ed evitare possibili complicazioni.

Caso clinico

La paziente aveva una recessione gengivale a carico del canino superiore di sinistra con
problemi di ipersensibilità termica ed estetici.
È stato effettuato un intervento di riposizionamento coronale della gengiva, aggiungendo un innesto di tessuto connettivo prelevato dal palato della paziente. Questo è il risultato a distanza di due mesi dall’intervento.

L’abilità e l’esperienza del dentista e dell’igienista dentale sono fondamentali per ottenere un risultato estetico piacevole e in tutta sicurezza. Contattaci per ricevere maggiori informazioni.

Lascia un commento