Dente del giudizio: quando estrarlo?

L’estrazione del dente del giudizio indica l’avulsione del terzo molare e si effettuata dal dentista per differenti cause.
Non di rado, infatti, i denti del giudizio sono causa di problematiche, anche serie, posso essere evitate con l’estrazione preventiva in età adolescenziale. In alcuni casi detti elementi dentali crescono in maniera non allineata andando ad interferire con i denti già erotti. Anche l’igiene orale domiciliare diventa più difficile da effettuare.

Quando è necessaria l’estrazione del dente del giudizio?

• I denti sono particolarmente intaccati dalla carie oppure bersaglio di parodontite (detta anche piorrea) fino ad arrivare all’ascesso dentale.
• I terzi molari risultano parzialmente inclusi o completamente ritenuti al disotto del tessuto molle e questo è spesso causa di gengive infiammate.
• Gli ottavi, durante la loro eruzione, esercitano sugli altri denti delle spinte che causano il movimento di questi ultimi e possono portare all’accavallamento dei denti frontali.
• I denti del giudizio inclusi sono causa di nevralgie facciali.

L’estrazione preventiva del dente del giudizio

L’estrazione del dente del giudizio a scopo preventivo è un argomento che divide il mondo dell’odontoiatria Alcuni dentisti sono del parere che l’avulsione del terzo molare sia da considerarsi solo se in presenza di sintomi quali il dolore, l’infiammazione, l’inclusione a danno dei denti adiacenti etc. Altri colleghi, invece, sono per la prevenzione di patologie che portano ai sintomi sopra citati e quindi consigliano caldamente l’estrazione prima ancora che gli ottavi facciano la loro comparsa nel cavo orale o subito dopo.

I vantaggi di tale pratica sono

• Minore invasività della procedura.
• Decorso post estrazione più veloce: si sa che nei pazienti giovani la capacità di guarigione, cicatrizzazione e rigenerazione è molto più veloce rispetto a persone di mezza età o anziane quindi è spesso consigliato non attendere troppo.
• Scarsa possibilità di complicazioni.
• La rimozione del germe dentale che da origine al dente del giudizio è molto meno invasiva rispetto alla stessa posta in essere a dente completamente definito.

Rischi e complicanze

Anche se ormai l’estrazione del dente del giudizio è una procedura che rientra tra quelle standard, si tratta pur sempre un’intervento chirurgico e come tale non è completamente esente da possibili rischi o complicanze, anche se generalmente si tratta di casi molto rari. Prima di pianificare l’estrazione, comunque, è sempre consigliabile chiedere al dentista informazioni su tutte le possibili conseguenze.

Fonte: denti360.com

Lascia un commento