Hai bisogno di prenotare un appuntamento? Tel 081 578 50 37

Chirurgia dentale e terapia anticoagulante

Una preoccupazione molto diffusa tra i pazienti in terapia anticoagulante è quella di doversi sottoporre alla chirurgia dentale per il timore di incorrere in una emorragia o in qualche complicazione, come un fenomeno di embolia locale o sistemica.

Per non incorrere in questo rischio è importante informare subito i nostri odontoiatri sulla terapia anticoagulante in corso per poter adottare le strategie migliori in vista dell’intervento chirurgico.

Lo studio

Secondo una recente ricerca, il rischio emorragico dopo una singola estrazione nei pazienti con un INR>2,2 non è diverso dai pazienti che non assumono un farmaco anticoagulante.

Lo studio ha dimostrato che, se l’INR (la misura del tempo di protrombina) non supera i valori terapeutici, non è necessario sospendere la terapia in vista di una singola estrazione, mentre il rischio risulta maggiore nelle estrazioni multiple.

Prevenzione del rischio in terapia anticoagulante

In previsione di un intervento chirurgico, se il nostro odontoiatra stabilisce che non è necessario sospendere la terapia con i NAO o il warfarin, verranno suggerite alcune precauzioni e provvedimenti, tra cui:

  • programmare il controllo dell’INR il giorno stesso dell’intervento per valutare che sia compreso in un range tra 2 e 3;
  • somministrare l’anestesia con un vasocostrittore per limitare il sanguinamento;
  • prevenire il rischio di emorragia con l’applicazione dei punti di sutura;
  • comprimere la zona con una garza imbevuta di acido tranexamico;
  • assumere il paracetamolo contro il dolore, evitando i FANS (acido acetilsalicilico e ibuprofene);
  • mangiare cibi troppo caldi o freddi;
  • riposare, ma non rimanere sdraiati troppo a lungo.

Quali interventi dentali si possono fare se si è in cura con un anticoagulante

Le Linee guida odontoiatriche relative ai pazienti in cura con farmaci antiaggreganti stabiliscono che è possibile effettuare alcuni interventi di chirurgia orale senza la necessità di sospendere la terapia.

Si tratta di procedure a basso rischio di sanguinamento, come:

Al contrario, se il paziente deve sottoporsi a interventi più rischiosi, i nostri dentisti dovranno esaminare ogni singolo caso tenendo conto della terapia in corso e valutando qual è la soluzione migliore da adottare.

Per limitare ogni rischio, è importante affidarsi al team di odontoiatri dello Studio Dentistico Delfino Anzisi che, grazie alle loro conoscenze e attrezzature, possono permettere a ogni paziente di sottoporsi agli interventi in totale affidabilità e sicurezza.

Avviso agli utenti
Le informazioni fornite in questa pagina sono di natura generica e pubblicate a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il parere dell’odontoiatra.

Lascia un commento