Le 5 regole per usare il filo interdentale

Dopo una seduta dal dentista, lo specialista o l’igienista ti potrebbero raccomandare l’utilizzare il filo interdentale per una igiene orale corretta e per prevenire carie o altri disturbi. Ma come mai è così importante?

Il filo interdentale rappresenta un valido aiuto nella pulizia quotidiana dei denti perché permette di raggiungere le zone della bocca più difficili da raggiungere con lo spazzolino, rimuovendo tutti quei residui di cibo e di placca nascosti negli spazi interdentali o sotto i margini gengivali.

L’utilizzo di questo strumento, almeno una volta al giorno, diventa di fondamentale importanza soprattutto in caso si portassero apparecchi, impianti e ponti.

Ma come si usa il filo interdentale?

Per ottenere una pulizia impeccabile, il filo interdentale deve essere usato correttamente. Specifichiamo che non deve essere manovrato in maniera frettolosa per non danneggiare le gengive, né in caso di infiammazione alla bocca, ad esempio dopo un’estrazione che rende i denti più sensibili..

Vediamo le 5 regole consigliate per l’utilizzo del filo interdentale:

1 step

  • Innanzitutto bisogna tagliare con le mani pulite circa 40 cm di filo interdentale e arrotolarne una parte (solitamente due giri) intorno alle dita medie, tenendo con gli indici e i pollici la sezione da passare tra i denti (lunga circa 2,5-5cm).

2 step

  • A questo punto si può iniziare la pulizia facendo scorrere il filo tra un dente e l’altro con un movimento delicato e ondulatorio, ma tenendolo sempre teso e con una presa ben salda. Si consiglia di usare i pollici per farlo scivolare meglio nell’arcata superiore e gli indici per quella inferiore.

3 step

  • Una volta raggiunto il bordo della gengiva, bisogna piegare il filo a forma di C per avvolgere il dente e seguirne il contorno. Questa fase è molto delicata perché non si deve applicare troppa pressione: per pulire bene il margine gengivale il movimento deve essere deciso ma dolce, altrimenti si rischia di ferire le gengive.

4 step

  • Questo procedimento deve essere applicato per ogni dente, cominciando da quelli posteriori e terminando con i molari del lato opposto. È fondamentale usare un segmento nuovo di filo ogni volta che si passa al dente successivo.

5 step

  • Per rimuovere il filo interdentale bisogna estrarlo delicatamente tramite il classico movimento avanti-indietro.

Una volta terminata la pulizia col filo interdentale, si consiglia sempre di sciacquare bene la bocca col collutorio per eliminare ogni residuo di placca o cibo, rinfrescare l’alito e rinforzare lo smalto.

Avviso agli utenti
Le informazioni fornite in questa pagina sono di natura generica e pubblicate a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il parere dell’odontoiatra.

Lascia un commento