Hai bisogno di prenotare un appuntamento? Tel 081 578 50 37

In questo articolo cercheremo di fare chiarezza sulla pulpite, sulle cause che la provocano e il trattamento più adeguato.

La pulpite è una patologia odontoiatrica di tipo infiammatorio particolarmente fastidiosa e molto comune nella popolazione adulta. Si manifesta con un fastidioso mal di denti causato dall’assunzione di cibi caldi o freddi, dalla masticazione di alimenti duri e dal consumo di zuccheri.

L’infiammazione della polpa dentale può essere prevenuta e trattata con successo: nel caso in cui se ne avvertano i sintomi è opportuno rivolgersi all’odontoiatra di fiducia per intervenire prontamente evitando spiacevoli complicanze.

Cos’è la pulpite?

PULPITE

La pulpite è il processo flogistico della polpa dentaria, un tessuto localizzato in profondità rispetto al dente e che è particolarmente ricco di arteriole, venule, nervi e odontoblasti (le cellule deputate alla produzione di dentina).

La pulpite è una delle più comuni e frequenti cause di mal di denti e spesso compare in conseguenza a un processo carioso.

Cause della pulpite

Nella maggior parte dei casi l’origine della pulpite è da attribuire a una carie dentaria non trattata.

Nel caso in cui l’infezione dentaria non sia correttamente curata si determina l’estensione per contiguità dell’infezione batterica: il processo flogistico si espande dal dente alla polpa, determinando l’insorgenza della sintomatologia dolorosa caratteristica.

Altre cause di pulpite possono essere:

• Traumi dentali
• Parodontite
• Bruxismo
• Masticazione scorretta
• Malocclusioni dentarie
• Scarsa igiene orale.

Sintomi della pulpite

sintomi-pulpite

Il sintomo principale della pulpite è il dolore, spesso esacerbato da stimoli termici (cibi e bevande calde o fredde) meccanici (masticazione di cibi particolarmente duri) e chimici (assunzione di cibi ricchi di zuccheri).

In alcuni casi al dolore si può associare una spiacevole sensazione di dente pulsante.

La pulpite si distingue in:

Pulpite reversibile: in questo caso l’infiammazione è contenuta e la lesione è superficiale. Il dolore viene esacerbato da uno stimolo esterno (alimento freddo o particolarmente zuccherato) e dura pochi istanti.

Pulpite irreversibile: in questo caso il processo flogistico si estende più in profondità. Il dolore è continuo e una volta rimosso lo stimolo perdura per diversi minuti. La sensazione dolorosa può irradiarsi alla tempia e all’orecchio omolaterale e viene esacerbata dalla posizione supina.

Complicanze

Nel caso in cui si sottovaluti la sintomatologia dolorosa e non si intervenga prontamente è possibile che la flogosi della polpa si estenda determinando necrosi irreversibile del tessuto osseo, con perdita permanente della vitalità del dente.

Cura e trattamento della pulpite

Il trattamento della pulpite consiste nella cura della causa responsabile del processo flogistico: nel caso in cui non venga accuratamente trattata è possibile lo sviluppo di un processo necrotico che danneggia in modo permanente la vitalità del dente.

Per la riduzione della sintomatologia dolorosa acuta è opportuno assumere farmaci antidolorifici come FANS e oppioidi deboli, a seconda dell’intensità del dolore.

Nel caso in cui la flogosi della polpa dentaria sia determinata dalla presenza di una carie per curare la pulpite è necessario svolgere un’otturazione dentaria.

pulpite-e-devitalizzazione-polpa

Quando invece l’infiammazione si presenta già ad uno stadio avanzato o si è in presenza di necrosi pulpare può essere indicato procedere con l’asportazione della polpa del dente.

In questo caso l’odontoiatra compie una rimozione dei tessuti necrotici, che potrà essere parziale o totale (devitalizzazione).

Prevenzione della pulpite


La pulpite può essere facilmente prevenuta mettendo in atto una serie di comportamenti volti alla prevenzione delle carie e all’eliminazione del deposito della placca batterica.

Per prevenire l’insorgenza di questa fastidiosa patologia è opportuno rispettare alcune semplici indicazioni:

• Eseguire correttamente l’igiene orale dopo ogni pasto principale della giornata;
• Utilizzare uno spazzolino con setole intermedie per non creare lesioni alle gengive;
• Utilizzare un dentifricio ricco di fluoro, che sostiene lo smalto dentale;
• Utilizzare regolarmente il collutorio;
• Evitare il più possibile l’assunzione di cibi particolarmente ricchi di zuccheri;
• Sottoporsi a controlli periodici dal dentista.

Pulpite, cause e trattamento dal dentista

Per la cura della pulpite è necessario seguire programmi di igiene e profilassi adeguati. Gli Specialisti dello Studio Dentistico Delfino Anzisi a Napoli sono a tua disposizione per un consulto.

Per info e prenotazioni contatta lo Studio Delfino Anzisi

Avviso agli utenti
Le informazioni fornite in questa pagina sono di natura generica e pubblicate a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il parere dell’odontoiatra.

Bibliografia

Zanini M, Meyer E, Simon S. Pulp Inflammation Diagnosis from Clinical to Inflammatory Mediators: A Systematic Review. J Endod. 2017 Jul;43(7):1033-1051. doi: 10.1016/j.joen.2017.02.009. Epub 2017 May 17. PMID: 28527838

Condividi questo articolo

Lascia un commento